La Salute non si paga

12 milioni di italiani rinunciano alle cure a causa di costi sempre più elevati, di ticket che superano il prezzo delle prestazioni private, di liste d’attesa troppo lunghe, della mancanza di presìdi sanitari sul territorio.
Bisogna interrompere questa privatizzazione di fatto del sistema sanitario e riportare il finanziamento alla sanità nella media europea. Una specifica emergenza riguarda il Sud, dove l’aspettativa di vita è tornata a essere quella del dopoguerra e l’emigrazione sanitaria tocca livelli record. Vanno sostenute scelte che aiutino a migliorare la salute di tutti noi: riconversione verde delle industrie, lotta all’inquinamento urbano, prevenzione degli incidenti sul lavoro, educazione alimentare.

Le nostre proposte:

  • Abolizione del superticket e riduzione dei ticket, per impedire che i costi siano più alti nel pubblico che nel privato;
  • Assunzione di almeno 40 mila medici e operatori sanitari e investimenti in strutture e tecnologie, per garantire su tutto il territorio nazionale il diritto alla salute (con un’attenzione specifica agli organici della guardia medica);
  • Formazione dei medici di famiglia e dei pediatri: se non si agisce ora, il sistema entrerà in crisi nei prossimi 4 anni;
  • Piena attuazione della legge 194 sull’interruzione della gravidanza;
  • Sostegno alla diffusione dei farmaci generici per abbattere i costi per i cittadini (l’Italia è al penultimo posto in Europa nell’impiego dei farmaci generici);
  • Potenziamento dei servizi territoriali, compresi i consultori, l’assistenza a domicilio e la prevenzione individuale e collettiva; 
  • Piano di azione specifico per la salute mentale: in Italia la sofferenza psicologica è aumentata a partire dagli anni della crisi economica.

Insieme. Liberi e Uguali.

28056019_1495956880529831_4958615787376127684_n

Partecipa al cambiamento

Con una piccola donazione puoi aiutare Liberi e Uguali a realizzare le nostre idee e i nostri progetti per l'Italia.

Dona