All’Università di Perugia borse di studio in ricordo di Guglielmo Epifani

367

Cinque borse di studio finanziate, con copertura integrale, dall’associazione Guglielmo Epifani per il master di primo livello in “Progettazione europea per la cultura e la creatività” grazie alla convenzione con l’Università degli Studi di Perugia.

In concomitanza con l’apertura della sesta edizione del bando, nella sala del Dottorato di Palazzo Murena, l’accordo è stato sottoscritto dal Rettore Maurizio Oliviero e da Maria Giuseppina De Luca Epifani, presidente dell’associazione ispirata alla figura di Guglielmo Epifani, sindacalista e politico.

Il rettore ha espresso il suo più sincero apprezzamento all’Associazione “per il generoso impegno dimostrato nel sostenere concretamente il diritto allo studio e facilitare l’accesso all’istruzione superiore per studentesse e studenti meritevoli”. “Giovani talenti sempre più consapevoli dell’importanza di contribuire alla costruzione di una società più avanzata e aperta all’Europa” ha affermato ancora Oliviero.
“L’idea di finanziare borse di studio nasce per l’amore che Guglielmo aveva per i giovani e la cultura – ha spiegato poi la presidente dell’associazione – e questo ci è sembrato il modo migliore per rendergli omaggio, facendo qualcosa di concreto per i giovani”.
La firma – è stato inoltre ricordato – si aggiunge alle due già fatte, una sempre con Università di Perugia, in particolare con il Dipartimento di studi giuridici, e l’altra con l’Università di Cassino.
In totale saranno così 20 i giovani che quest’anno, grazie all’associazione, potranno usufruire delle borse di studio dei master, cinque per quello in Progettazione europea. “Questo master in particolare – ha concluso la presidente – ci è parso molto interessante e molto attuale, per il riferimento, imprescindibile, all’Europa e sono convinta che Guglielmo, europeista convinto, sarebbe stato molto contento”.

L’obiettivo del Master, come ha evidenziato il direttore, Fabio Raspadori, è di formare profili professionali nel campo della progettazione europea, intesa come l’insieme di competenze teoriche e tecnico-gestionali necessarie ad elaborare e gestire in maniera efficace progetti finanziati dall’Ue. “Nel corso delle precedenti edizioni – ha detto – abbiamo formato più di 80 figure professionali che hanno poi avuto l’opportunità di avviare, o consolidare, i propri percorsi lavorativi nella libera professione o all’interno di organizzazioni ed enti”. A spiegare nel dettaglio le caratteristiche del corso post-laurea, della durata di 15 mesi con 300 ore di didattica tenuti da 40 docenti più un periodo di tirocinio, è stata poi la coordinatrice Diletta Paoletti, la quale ha ricordato che gli iscritti provengono da tutta Italia. Il termine di presentazione delle domande è il 9 febbraio 2024. Le lezioni del nuovo ciclo avranno inizio nella primavera prossima e si terranno alla Scuola di lingue estere dell’esercito, a Perugia.

Oltre alle borse di studio erogate dall’Associazione Guglielmo Epifani, sono disponibili incentivi all’iscrizione riservate ai dipendenti della pubblica amministrazione. La cerimonia della firma è stata aperta con l’invito del rettore Oliviero a condividere un minuto di silenzio in ricordo di Giulia Cecchettin, la giovane studentessa universitaria prossima alla laurea tragicamente scomparsa.

FONTE: ANSA